Rientro a scuola dopo le vacanze: come affrontarlo serenamente

Vacanze finite, freddo che incalza, la testa ancora fra regali e grandi abbuffate, ma oggi la routine scolastica è ricominciata per tutti i bimbi e ragazzi. Rimettersi con la testa sui libri e avere di nuovo ritmi serrati, può provocare però molte preoccupazioni anche nei più piccoli, quindi tocca agli adulti che li circondano avere uno spirito propositivo.

Ricominciare con il piede giusto, si può; ecco dei suggerimenti per affrontare serenamente il rientro a scuola che, alla fine dei conti, coinvolge l’intero nucleo familiare.

  • Parlare e condividere. Quando figli e genitori riescono ad essere sintonizzati e condividere i propri pensieri, paure, ansie, già solo con la conversazione riescono a saltare fuori tutti i problemi ed è quindi più facile risolverli. Le transazioni richiedono un’attenzione particolare, quindi non bisogna minimizzare gli stati d’animo («Non è niente»), ma rassicurare («So cosa vuol dire, ma ce la farai») e non alimentare l’ansia («È stato brutto il rientro? Ora ti devi mettere sul serio sui libri!»). Uno spirito morbido e tranquillo in tutta la famiglia aiuta il bambino, senza l’ansia dei compiti e delle interrogazioni imminenti.
  • Socializzazione. Il rientro a scuola coincide anche con il ritrovo dei compagni e degli amici, quindi sarebbe bello organizzare dei piccoli appuntamenti che favoriscano la socializzazione, anche al di fuori della scuola: partite, pigiama party, cinema, ecc. In questa maniera la routine scolastica, con degli ottimi compagni di viaggio sarà solo un piacere. Anche i “lavori di gruppo” pensati dalle insegnanti aiutano molto in questo senso, con gruppi da alternare ogni volta per creare un giusto cambio di compagni, per apprendere, socializzare e divertirsi allo stesso tempo.
  • Nuove abitudini. Per rendere meno monotono il rientro a scuola e in generale la giornata, si può pensare di organizzare in famiglia appuntamenti nuovi e piacevoli: un pomeriggio in biblioteca, una merenda in pasticceria, una serata con protagonista un determinato alimento, piantare una pianta in campagna per poi prendersene cura, ecc. Proporre qualche cambiamento ai bimbi entusiasma molto, sicuramente molto più che negli adulti.
  • Dormire bene e una colazione nutriente. Per riprendere i ritmi regolari e affrontare le giornate con il piede giusto, bisogna dormire a sufficienza, evitando magari cene pesanti, bensì fare una ricca colazione per avere la grinta giusta l’intera giornata. E si sa, l’attività fisica aiuta a sentirsi meglio e a liberarsi dallo stress (anche solo fare lunghe passeggiate all’aria aperta).

Una volta rotto il ghiaccio, con il sorriso e queste piccole indicazioni, riprendersi dal “trauma della campanella” sarà molto più semplice. #paroladicucù

Foto di https://www.galileonet.it/


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...